Università degli Studi di Siena

Rocchette Pannocchieschi - XI secolo

Nella parte sommitale ed all’interno del borgo, è identificabile una prima fase di costruzione del castello in pietra.

Tali evidenze sono costituite da ampi tratti del muro di cinta e dalle stratigrafie in connessione.

Il muro di cinta più antico si caratterizza per una fattura grossolana, posta in opera su filari non necessariamente regolari, con l’utilizzo di materiale lapideo perlopiù in arenaria, di cui si usano pietre di piccole dimensioni solo sbozzate.



Tratto del muro di cinta in arenaria (parte bassa della muratura) individuato nell'area sommitale

E’ al momento prematuro definire l’ampiezza di questa prima cinta muraria, data la morfologia del sito (con ampi dislivelli) e data la bassa percentuale di aree indagate rispetto all’ampiezza totale dell’insediamento; ma si può ipotizzare che non fosse molto dissimile dalla definizione più tarda.


Nell’area più alta, oltre al tratto di muro di cinta, sembra attribuibile a questo periodo anche, una piccola struttura in muratura, di forma quadrata, che per il rivestimento in malta delle pareti e del fondo, è interpretabile come una piccola cisterna o un granaio.


Nell’area del borgo (area 3000) si sono individuati almeno due edifici quadrangolari addossati alla cinta. Le stratigrafie in fase con le evidenze in elevato appena descritte lasciano ipotizzare una datazione inquadrabile agli inizi dell’ XI .