slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4 slideshow 5 slideshow 6 slideshow 7 slideshow 8
  • strict warning: Declaration of date_handler_field_multiple::pre_render() should be compatible with content_handler_field_multiple::pre_render($values) in /var/www/drupal6/sites/all/modules/date/date/date_handler_field_multiple.inc on line 185.
  • strict warning: Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options() in /var/www/drupal6/sites/all/modules/views/plugins/views_plugin_style_default.inc on line 24.

26 Ottobre 2016

Area 18 - Quadrato C2. L'area al termine della giornata

Area 15, quadrato B1 - Area 20
Nella giornata di oggi si è proceduto con lo scavo degli inumati SK 143 e 144. L’inumato SK 144 risulta intercettato da SK 143. A ridosso della tomba in cassa di XI secolo è stata portata a termine la rimozione di SK 130 ed è iniziato lo scavo di SK 147. Nella zona nord –est dell’area si è proceduto con lo scavo della sepoltura dell’infante SK 145. Il taglio della fossa, di piccole dimensioni, risulta foderato con lastre in calcare scistoso.

Area 15 - Quadrato B3

Sul piano inferiore abbiamo terminato la pulizia finale dell'Area per verificare la continuazione del muro dell'ED18 verso nord. Il muro è stato completamente spogliato e alcuni livelli di riporto che non abbiamo avuto il tempo di rimuovere, impediscono di identificare con certezza il taglio che doveva alloggiare il muro; la presenza di un filare superstite tra Area 19 e Area 18 porta comunque a pensare che il muro dovesse proseguire a nord.
Rimangono da scavare i riempimenti della camera mineraria che probabilmente hanno uno spessore di almeno 1 metro al di sotto dell'ultimo livello scavato (US 1034); del canale minerario US 1021 infatti si vedono solo i primi 60 cm sotto la volta.
Possiamo invece affermare con certezza che la camera dev'essere stata riempita solo dopo o contemporaneamente alla messa in opera del muro perché dal fondo dell'US 1034 provengono diversi frammenti di ossa umane e quindi il deposito deve essersi formato solo dopo la prima fase di uso del cimitero a est della chiesa, cioè dopo il X secolo.
Sul terrazzo alto abbiamo continuato l'indagine della zona ovest, a ridosso dell'area cimiteriale. Abbiamo interpretato lo strato di terra, pietre e lastre US 1044 come tamponamento funzionale alla delimitazione dell'area cimiteriale. Lo strato era coperto da livelli di XIII secolo (databili per la presenza di mattoni) e copre uno strato di terra rossiccia formatosi probabilmente nel IX secolo (copre buche di palo di VIII secolo); i dati provenienti dalla sequenza stratigrafica confermerebbero quindi il legame tra la fase iniziale di uso del cimitero e il tamponamento che andrebbe a chiudere l'area sacra.

Area 18 - Quadrato C2
Oggi le indagini archeologiche sono state dirottate nella zona del vecchio quadrato di scavo di Area 18, poiché nel nuovo quadrato abbiamo deciso di non continuare lo scavo a causa del termine imminente della campagna di scavo, poiché lo scavo della nuova struttura avrebbe richiesto l'ampliamento del quadrato di almeno 1,5 metri.
Nel vecchio quadrato le indagini erano state completate nella zona del terrazzamento altomedievale, ma nella fascia settentrionale, a ridosso della cinta muraria, avevamo bloccato lo scavo, per mancanza di tempo, su uno strato interpretato come battuto, US 552, il quale risultava tagliato dal taglio di fondazione della cinta muraria di X secolo.
Questo livello si conserva su uno spazio di circa 50 cm in larghezza e 1,5 m in lunghezza, caratterizzato da terra magnetica con incluse piccole scorie. L'ipotesi è che questo piano sia da mettere in relazione con l'area del fabbro individuata nella limitrofa Area 14, anche se date le dimensioni ridotte del piano è difficile proporre interpretazioni in merito alla sua destinazione d'uso.
Al momento le indagini hanno messo in evidenza due piccoli tagli posti nella zona nord occidentale del vecchio quadrato con riempimento di colore marrone scuro, probabilmente due buche di palo che potrebbero far pensare alla presenza di una struttura tagliata dalla fondazione della cinta. Inoltre, questo livello di battuto, US 552, copre uno strato di terra di colore nero con segni di combustione US 553.
Domani cercheremo di capire meglio a cosa possa riferirsi il livello scuro per capire l'eventuale funzione di questa struttura.

Area 21
Nel corso della giornata sono stati scavati alcuni punti liminari del terrazzo rimasti non indagati nel corso delle scorse settimane; in particolare è stato rimosso un accumulo, ancora facente parte del livello di abbandono della struttura in materiale deperibile US 61 posto sul limite nord est del settore B. Al di sotto è stato individuato un altro taglio nella roccia rasato (US 73) e conservato solo su tre lati; tale taglio, assieme ai due (US 74 ed US 75) individuati poco più a sud al di sotto del crollo di lastrine US 40, doveva far parte di una struttura precedente al magazzino le cui stratigrafie sono state asportate al momento della realizzazione della struttura di conserva.
Abbiamo inoltre scavato il limite nord est del settore, nei pressi del salto di quota che divide con l'area 15 dove è emerso il banco roccioso coperto da alcuni livellamenti e tagliato in varie direzioni; l'intero contesto sembra da mettere in relazione a canali minerari scoperchiati e livellati.

Area 15 Settore B, Quadrato B3
Area 15 Settore B, Quadrato B3. Vista generale del piano inferiore.
Area 15 Settore B, Quadrato B3. La camera mineraria del piano inferiore..
Area 15 - Quadrato B3. Il taglio US 1038.
Area 18 - Quadrato C2
Area 18 - Quadrato C2. L'area al termine della giornata
Area 18 - Quadrato C2. Il livello US 552.
Area 20
26 Ottobre 2016
26 Ottobre 2016
26 Ottobre 2016
Area 21
Area 21 - Il banco rocciso che emerge, sul limite nord est, al di sotto di un livellamento di terra gialla.
Area 21 - La buca di palo, parzialmente rasata, individuata quest'oggi.