VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale - Matera, 12-15 settembre 2018 SAMI - Atti dei Congressi Nazionali Premio Ottone d'Assia e Riccardo Francovich

Tu sei qui

Possibile chiusura del Museo Nazionale dell'Alto Medioevo di Roma

Comunicato stampa - 8 febbraio 2014
La Sami, Società degli Archeologi Medievisti Italiani, esprime profonda preoccupazione per le notizie circolate in questi giorni sulla possibile chiusura del Museo Nazionale dell'Alto Medioevo di Roma presso il Palazzo delle Scienze al quartiere dell'EUR.
Sabato 08 Febbraio 2014 ore 11

La Sami, Società degli Archeologi Medievisti Italiani, esprime profonda preoccupazione per le notizie circolate in questi giorni sulla possibile chiusura del Museo Nazionale dell'Alto Medioevo di Roma presso il Palazzo delle Scienze al quartiere dell'EUR.
Il museo, aperto nel 1967, espone una straordinaria collezione di reperti e contesti di grandissimo interesse: basti pensare ai meravigliosi rivestimenti marmorei di una ricca domus di Ostia, ai corredi delle necropoli longobarde di Nocera Umbra e Castel Trosino (VI-VII secolo), ai rilievi marmorei di alcune chiese di età carolingia (IX-X secolo), o alla preziosa collezione di tessuti copti (III-X secolo).
Chiediamo pertanto che si rinunci ad impoverire il patrimonio museale romano e italiano.
Le ricadute che un museo, un archivio o una biblioteca possono avere sono diverse e ben più “remunerative” rispetto a una malintesa visione mercantilistica del bene culturale; i vantaggi di un museo sono anche e soprattutto in termini di crescita culturale, di miglioramento del benessere e della qualità della vita.
L'eventuale soluzione che si paventa, cioè il possibile trasferimento delle collezioni al prospiscente Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini", non soddisfa; pare penalizzante anche per quest'ultimo, snaturandone storia e attuale configurazione.
Sorprende che, di fronte all'impossibilità di mantenere in vita il Museo dell'Alto Medioevo, non si sia pensato caso mai ad impostare un opportuno progetto scientifico per un grande percorso conoscitivo in una realtà specifica come quella del Museo Nazionale Romano - Crypta Balbi.
Qui infatti vengono illustrate le trasformazioni della città tra l’età tardoantica e l’ altomedioevo (V-IX secolo); inoltre il grande deposito di scarti relativi alla produzione di oggetti di lusso per l’abbigliamento e l’ornamento, da tempo, è stato riconosciuto come pertinente ad un'officina che forniva probabilmente anche i longobardi di Nocera Umbra e Castel Trosino.
Nella speranza di un pronto cambiamento di strategia ci domandiamo quanti altri musei, a ricaduta, subiranno lo stesso destino di fronte a politiche del genere?

Per il presidente Giuliano Volpe
il segretario Marco Valenti